Pillole di Storia: la Pieve di Sant’Andrea ad Iseo

Pillole di Storia: la Pieve di Sant’Andrea ad Iseo

๐—Ÿ๐—ฎ ๐—ฃ๐—ถ๐—ฒ๐˜ƒ๐—ฒ ๐—ฑ๐—ถ ๐—ฆ๐—ฎ๐—ป๐˜’๐—”๐—ป๐—ฑ๐—ฟ๐—ฒ๐—ฎ ๐—ฎ๐—ฑ ๐—œ๐˜€๐—ฒ๐—ผ ๐˜ƒ๐—ฒ๐—ป๐—ป๐—ฒ ๐—ณ๐—ผ๐—ป๐—ฑ๐—ฎ๐˜๐—ฎ ๐˜€๐˜‚ ๐˜‚๐—ป ๐—ฎ๐—ป๐˜๐—ถ๐—ฐ๐—ผ ๐—ฃ๐—ฎ๐—ด๐—ผ ๐—ฅ๐—ผ๐—บ๐—ฎ๐—ป๐—ผ

Secondo la tradizione, il vescovo di S. Vigilio, fuggendo ai barbari, riparรฒ agli inizi del VI sec. a Iseo, dove fondรฒ la prima comunitร  cristiana, dalla quale venne poi la pieve sovrappostasi al pago romano, edificata, sempre secondo la tradizione, su un luogo di culto pagano, il primo tempio dedicato a S. Andrea apostolo, patrono dei pescatori e delle acque.

La pieve, una delle piรน antiche del bresciano, estendeva la sua giurisdizione su un vastissimo territorio comprendente le attuali parrocchie di Polaveno, Brione, Ome, Monticelli Brusati, Provezze, Provaglio, Timoline, Colombaro, Clusane, Pilzone e l’isola di San Paolo.

fonte: Enciclopedia Bresciana di Antonio Fappani

fotografia di Mauro Sturla

Vivi Franciacorta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *