๐—Ÿ๐—ฒ ๐—ฑ๐—ผ๐—ป๐—ป๐—ฒ ๐—ป๐—ฒ๐—น ๐—ฐ๐—ถ๐—ป๐—พ๐˜‚๐—ฒ๐—ฐ๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ผ ๐—ฒ ๐—น๐—ฎ ๐˜€๐˜๐—ผ๐—ฟ๐—ถ๐—ฎ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐˜ƒ๐—ถ๐—น๐—น๐—ฎ, ๐—ถ๐—น ๐Ÿญ ๐—บ๐—ฎ๐—ด๐—ด๐—ถ๐—ผ ๐—ฎ๐—ฝ๐—ฟ๐—ผ๐—ป๐—ผ ๐—ฑ๐˜‚๐—ฒ ๐—ถ๐—บ๐—ฝ๐—ผ๐—ฟ๐˜๐—ฎ๐—ป๐˜๐—ถ ๐—บ๐—ผ๐˜€๐˜๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฎ ๐—ฉ๐—ถ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—Ÿ๐—ฎ๐—ป๐—ณ๐—ฟ๐—ฎ๐—ป๐—ฐ๐—ต๐—ถ

๐—Ÿ๐—ฒ ๐—ฑ๐—ผ๐—ป๐—ป๐—ฒ ๐—ป๐—ฒ๐—น ๐—ฐ๐—ถ๐—ป๐—พ๐˜‚๐—ฒ๐—ฐ๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ผ ๐—ฒ ๐—น๐—ฎ ๐˜€๐˜๐—ผ๐—ฟ๐—ถ๐—ฎ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐˜ƒ๐—ถ๐—น๐—น๐—ฎ,  ๐—ถ๐—น ๐Ÿญ ๐—บ๐—ฎ๐—ด๐—ด๐—ถ๐—ผ ๐—ฎ๐—ฝ๐—ฟ๐—ผ๐—ป๐—ผ ๐—ฑ๐˜‚๐—ฒ ๐—ถ๐—บ๐—ฝ๐—ผ๐—ฟ๐˜๐—ฎ๐—ป๐˜๐—ถ ๐—บ๐—ผ๐˜€๐˜๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฎ ๐—ฉ๐—ถ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—Ÿ๐—ฎ๐—ป๐—ณ๐—ฟ๐—ฎ๐—ป๐—ฐ๐—ต๐—ถ

Due mostre a Villa Lanfranchi: un ricco antipasto dellโ€™imminente stagione turistica de Le Meraviglie della Terra del Fiume, che aprirร  ufficialmente sabato 8 maggio. Saranno aperte al pubblico da domenica 1 maggio (e fino a domenica 12 giugno) le due interessanti esposizioni che avranno sede nella prestigiosa Villa Lanfranchi, gioiello novecentesco palazzolese (entrambe visitabili ogni domenica dalle 14.30 alle 18, e su prenotazione anche in settimana per gruppi e scolaresche).

La prima sarร  un viaggio alla scoperta della Villa stessa. Infatti, con Un progetto singolare: Eugenio Mollino a Palazzolo sullโ€™Oglio si potrร  ricostruire la storia dellโ€™ideazione e della realizzazione della Villa. Una vicenda che parte dalla Torino del 1911 dell’architetto Mollino e attraversa stili (eclettico, Liberty, Umbertino), proposte e cambiamenti che ci hanno poi consegnato la Villa comโ€™รจ oggi e come sarร  domani. Unโ€™affascinante mostra โ€“ curata dallโ€™architetto Laura Milan, in collaborazione con il Politecnico di Torino โ€“ per saperne di piรน su uno dei luoghi piรน amati di Palazzolo. a seconda, invece โ€“ allestita nelle sale principali, ovvero la Sala Rossa, la Sala Verde e la Sala del Mappamondo โ€“ prenderร  spunto da un testo del Cinquecento, facente parte del Fondo Antico che รจ conservato proprio in Villa Lanfranchi. Si tratta de La massera da bรฉ: unโ€™opera importante non solo per lโ€™uso del dialetto bresciano, ma perchรฉ storia di una donna forte, capace di imporre la propria abilitร  anche negli umili contesti in cui la trama รจ ambientata. Con scorci sulla religiositร , sulla gestione della casa e del matrimonio, sulla cura della persona, sullโ€™istruzione e sulla condizione femminile e molto altro, la mostra La massera da bรฉ. Vita quotidiana e condizione femminile in etร  moderna permetterร  di alzare un velo sulla vita di migliaia di donne del passato, scoprendo dettagli interessanti.

Una mostra possibile grazie anche alla collaborazione tra lโ€™Assessorato alla Cultura di Palazzolo e il CRELEB โ€“ il Centro di Ricerca Europeo Libro, Editoria, Biblioteca โ€“dellโ€™Universitร  Cattolica del Sacro Cuore. Lโ€™inaugurazione โ€“ domenica 1 maggio alle 16 โ€“ vedrร  la presenza del prof. Edoardo Barbieri, Ordinario di Storia del Libro dellโ€™Universitร  Cattolica di Brescia, e il dott. Stefano Cassini, curatore della mostra bibliografica. Non solo. Proprio in virtรน di queste mostre, ogni domenica alle 17.30 Villa Lanfranchi ospiterร  diversi eventi collaterali. Tra questi, Donne medievali (domenica 8 maggio), la conferenza della prof.ssa Martina Pantarotto (eCampus University); Donne nellโ€™arte. Da Tiziano a Boldini (domenica 15maggio), la presentazione della nota mostra allestita a Palazzo Martinengo (Brescia), a cura del prof. Luca Bressanini; Quant ho pรฒ manestrร t/ em metu mi a disnร  (domenica22 maggio): itinerari gastronomici nella storia della lingua italiana, a cura del prof. Simone Pregnolato (Universitร  Cattolica); e infine Scopri Brescia. Guida itinerante ai luoghi e alle storie della cittร  (domenica 29 maggio): presentazione del libro a cura delle autrici, le dott.sse Elena Frosio e Laura Stefanini.

Per informazioni e prenotazioni si puรฒ contattare la Biblioteca Civica Lanfranchi (tel. 0307405 590; biblioteca@comune.palazzolosulloglio.bs.it)

Vivi Franciacorta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarร  pubblicato.