MONTICELLI BRUSATI, UN PASSATO NOBILIARE

MONTICELLI BRUSATI, UN PASSATO NOBILIARE

Fino al XIII secolo MONTICELLI BRUSATI era chiamato Monticellis. Il toponimo è un diminutivo di “monte”, che non veniva utilizzato solo per indicare le cime delle montagne, ma anche un rilievo di collina. La specificazione si riferisce ad un antico casato della città di Brescia, l’antica famiglia nobiliare dei Brusati. La figura più nota della famiglia è quella di Tebaldo Brusati, duca di Vallecamonica, guelfo che cacciò gli avversari ghibellini da Brescia e ne fu proclamato Signore. Nell’elenco degli appartenenti a questa antica famiglia, risulta l’attributo “de Monticelli” già nel 1116, accanto al nome di Giovanni Brusati. Egli vendette alla città di Bergamo i castelli di Volpino, Ceratello e Qualino, avuti in feudo, scatenando feroci scontri che coinvolsero le città di Brescia e Bergamo per tutta l’epoca comunale.

Fonte: Wikipedia

wp_284188

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *