Ciao, continuiamo con i percorsi alla scoperta della Franciacorta, adatti a una gita in famiglia. Oggi ho deciso di portarti al Sentiero delle Cascate di Monticelli Brusati. Non solo è un luogo che mi piace particolarmente, ma grazie alla conformazione geografica è abbastanza fresco e ti ristorerà dal caldo di questi giorni. Io ho percorso per te la prima parte, adatta alle famiglie con bambini.
Mi raccomando: vacci equipaggiato. Ti serviranno un paio di scarpe da trekking, abiti adatti a una gita, acqua e qualcosa da sgranocchiare, dato che lungo il percorso non ci sono punti ristoro. Se sei temerario e non hai paura dell’acqua gelata mettiti pure il costume da bagno, perché potrai rinfrescarti in acqua.


Il sentiero delle cascate si sviluppa nella valle di Gaina, una pittoresca frazione di Monticelli Brusati, nel cuore della Franciacorta. Ti consiglio di lasciare l’auto a Monticelli Brusati e di seguire a piedi via Foina per arrivare poi a Gaina, con le sue case antiche. Un segnavia bianco e rosa con la scritta “SC” ti condurrà verso il percorso naturalistico che si divide in quello per esperi e in quello per non esperti. Gli esperti in genere all’andata percorrono il sentiero più difficoltoso e al ritorno quello più semplice. Noi abbiamo fatto il secondo. Nel primo sono comprese scale, piccole ferrate e tratti a sbalzo sul torrente da fare aggrappati a una catena. Non sono adatti a chi si muove con bimbi piccoli e a chi non è allenato. Chi è in grado di farle, però, si divertirà moltissimo e entrerà all’interno di quello che a tutti gli effetti è un canyon. Il percorso per famiglie si è effettua lungo un sentiero ampio e comodo. A me è piaciuto anche se la prossima volta proverò le ferratine (non avevo con me l’attrezzatura apposita)
La valle delle cascate è particolarmente bella non solo per il torrente e la serie di salti d’acqua che consente di osservare e di godere nei giorni più caldi, con una portata abbastanza costante anche se il periodo è siccitoso. È anche interessante dal punto di vista naturalistico poiché nelle varie stagioni presenta fioriture meravigliose. Ti segnalo la presenza dello zafferano selvatico, ovvero il crocus biflorus. Ti chiedo di fotografare ma non raccogliere fiori e piante. Molti di essi sono rari e trapiantati non crescerebbero.

Lungo il percorso ci sono alcune panchine, dove poter fare un picnic, ma non sono previste delle vere e proprie aree sosta. Non mancano comunque rocce e spazi dove sedersi per godere del fresco e dell’ombra.
Se vorrai mangiare al ristorante dovrai lasciare la valle delle Cascate. Non avrai che l’imbarazzo della scelta. A Monticelli Brusati non mancano strutture agrituristiche, trattorie, pizzerie e ristoranti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *