di Giovanni Battista e Camilla Ferrari, nacque a Passirano (BS) il 24 ottobre 1894 e morì in prigionia il 25 giugno 1918.Studente in Agraria all’Università di Pisa la quale gli conferì dopo la morte la Laurea ad honorem. Chiamato alle armi il 30 Giugno 1914 nel 36 ° reggimento fanteria e frequentato un corso per allievi ufficiali di complemento, nel dicembre dello stesso anno fu nominato sottotenente nel 2° reggimento alpini. Assegnato alla 18esima compagnia del battaglione Dronero, in zona della Carnia, il 24 Maggio 1915 varcato il confine, partecipò con Valore alle azioni nel settore Degano – Passo di Volaja. Nel Marzo 1916 promosso tenente, fu destinato al battaglione Bicocca, 123esima compagnia ed il 10 Aprile 1916 tornò in linea nell’alto Isonzo per la difesa del M. Rosso. Assunto il comando della 215esima Compagnia del battaglione Valle Stura, e promosso capitano alla fine di Luglio, passò al comando della 214esima compagnia con la quale nell’Ottobre del 1917 , a Monte Cavallo dopo aver difeso strenuamente la posizione, fu ferito e fatto prigioniero. Inviato al campo di concentramento di Aschak, ivi giuntò concepì l’audace disegno di fuga che gli costò la vita. Alla sua memoria venne conferita la Medaglia d’Oro al Valore Militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *