A SPASSO CON MILLA – Viaggio a Palazzolo sull’Oglio

A SPASSO CON MILLA – Viaggio a Palazzolo sull’Oglio

Ciao, oggi voglio mostrarti una delle capitali economiche e culturali
dell’ovest Bresciano: Palazzolo sull’Oglio. Chi nel bresciano non
conosce la piccola Manchester, ovvero il luogo ove si ritiene essere nata la
grande industria tessile del bresciano? Forse, però, non sai che la
città a cavallo tra Franciacorta e bassa è anche un luogo bellissimo,
ricco di arte e storia. Cercherò di mostrarti alcune delle sue bellezze,
con la promessa di tornare presto in questo prezioso territorio per
parlare di storia e archeologia industriale e non solamente.

A fare da asse portante a Palazzolo sull’Oglio è il più importante fiume
del bresciano: ovvero il Fiume Oglio, che, non solo a un certo punto
divide in due la cittadina, ma che fa da confine con l’adiacente
provincia di Bergamo e con la Valcalepio: zona vitivinicola quasi
speculare alla nostra Franciacorta, anche lei prodiga di bellezza e
luoghi da visitare.

Sembra che il nome del luogo, che comprende anche la località Sgraffigna
e la frazione di San Pancrazio, derivi dal latino Palatium, poi
trasformatosi in Palazzuolo e infine in Palazzolo. Il nome dialettale
del paese è, invece, Palasöl o Palahöl
. Noi dei paesi adiacenti e gli
abitanti in genere prediligiamo la seconda versione dato che, forse a
causa della vicinanza con la bergamasca, usiamo le aspirate a differenza
di altri franciacortini e specie di quelli che si trovano nelle
adiacenze di Brescia.

La bella Palazzolo è abitata praticamente da sempre. Fu oggetto della
presenza dei Cenomani e degli Insubri, degli antichi romani
, che hanno
lasciato importanti tracce quali il ponte romano che unisce i due lungo
Oglio del paese e che si trova lungo la via Gallica, che univa Torino
(Augusta Taurinorium) con Grado (Gradum)
, unendo le due estremità del nord Italia.

A Palazzolo furono presenti pure i longobardi, mentre nel
basso medioevo il centro fu di primaria importanza nelle dispute tra
Guelfi e Ghibellini e poi tra Milanesi e Veneziani, che di volta in volta
si passarono il comando del centro che era diviso in quadre e borghi
fortificati, di cui restano interessanti ricordi, tra cui alcuni edifici
ben conservati, che ti farò visitare in futuro. Uno tra i più antichi è
la Rocha Magna, ovvero il castello palazzolese.


Il Rinascimento e il risorgimento furono importanti. Palazzolo aderì
alla Repubblica Bresciana
, e questo rende particolarmente orgogliosi i
residenti, sin dal giorno della sua costituzione il 18 marzo 1797 e poi
divenne parte del Regno d’Italia, fino ad oggi.

Mi emoziono sempre quando vado a camminare sui due lungo Oglio, oppure
tra i vicoli e le stradine palazzolesi, che sono di una bellezza e di un
fascino inauditi, in grado di proiettarmi nel passato e farmi immaginare
cosa accade tanto tempo fa.

Ti segnalo che nel centro storico sorge la bellissima torre campanaria
di San Fedele
: che con i suoi 91 metri è la torre a pianta circolare più
alta d’Europa
.

Non mancano chiese e teatri. Ogni costruzione, questo
devo dirlo, meriterebbe un post a sé stante, tanto sono belli e ricchi
d’arte molti dei luoghi che nel nostro post possono essere visti
dall’esterno, come se stessi camminando mano nella mano con qualcuno a
cui vuoi bene.
Altra cosa da rimarcare è che Palazzolo è sede di un importante comitato locale della Croce Rossa: presente in paese sin dal 1915.
La Piccola Manchester non è amata solo da chi ci vive, ma da tutti i
bresciani, tanto da essere stata sede delle Celebrazioni del 2°
Raggruppamento Ana nel 2011.

Vieni con me a scoprire la Franciacorta!

wp_284188

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *